Accademia Italiana di Scienze Forestali

Italian Academy of Forest Sciences

Mancini G.M., Giannini R., Travaglini D. – Variazione del limite altitudinale del bosco sui Monti della Laga (Provincia di Teramo)

doi 10.4129/2cis-gmm-var

Citazione/Citation
Mancini G.M., Giannini R., Travaglini D., 2015 – Variazione del limite altitudinale del bosco sui Monti della Laga (Provincia di Teramo). In: Atti del II Congresso Internazionale di Selvicoltura. Progettare il futuro per il settore forestale, Firenze, 26-29 novembre 2014. Firenze: Accademia Italiana di Scienze Forestali. Vol. 1, p. 173-177. ISBN 978-88-87553-21-5. http://dx.doi.org/10.4129/2cis-gmm-var

Titolo:  Variazione del limite altitudinale del bosco sui Monti della Laga (Provincia di Teramo)
Title: The timberline variation on the Monti della Laga (province of Teramo)

Riassunto: Negli ultimi 60 anni nell’ambiente montano si è assistito a forti cambiamenti socio-economici che hanno determinato notevoli modifiche nell’uso del territorio coinvolgendo i sistemi agro-silvo- pastorali. Molte pratiche del settore agricolo sono state abbandonate e di conseguenza si è avuta una riconquista da parte del bosco che è avvenuta in modi ed in tempi differenti anche perché diverse sono le condizioni eco-ambientali, le specie coinvolte e le modalità di abbandono.  In questo lavoro è stata studiata la variazione del limite superiore del bosco tra il 1954 ed il 2010 sui Monti della Laga (TE) attraverso fotointerpretazione di immagini aeree tenendo conto della definizione di bosco proposta dal FAO-FRA. Nel 2010 la timberline è localizzata ad una quota media di 1721 m s.l.m. Tra il 1954 ed il 2010 la superficie boscata posta oltre quota 1700 m s.l.m. è aumentata del 17,8%, andando ad occupare i pascoli situati alle altitudini minori. Lo studio mette in evidenza come l’espansione della timberline sui Monti della Laga è molto lenta ed è condizionata inoltre dalle modalità di riduzione o abbandono dell’attività pastorale.

Summary: Over the past 60 years, strong socio-economic changes have taken place in the mountain environment that have leading to significant changes in land use. Many agricultural practices have been abandoned while others, like pasture, have declined. Thus the spon- taneous return of woodland is occurred in different ways and at different times due to differences in eco- environmental conditions, forest tree species, and method of abandonment. In this study the variation in time of the timberline has been analyzed in the Monti
della Laga, Province of Teramo, where the forest is dominated by beech. The timberline in 1954 and 2010 was obtained by photointerpretation of aerial images, taking the FAO-FRA forest definition as a reference. The data was used to analyze the timberline changes and to characterize the forest dynamics on the basis of field observations.  In 2010, the timberline in the study area is located at a mean altitude of 1721 m a.s.l. Between 1954 and 2014 the forest cover above 1700 m has increased by 17,8%, the forest extended on abandoned pastures at lower altitudes. This study indicates that timberline expansion of beech on the Monti della Laga, is very slow depending on how the impact due to pastoral activity is reduced.

Parole chiave:  limite altitudinale del bosco, faggio.
Keywords:  timberline, beech forest.

Download PDF file