Accademia Italiana di Scienze Forestali

Italian Academy of Forest Sciences

Diaz-Maroto I.J., Vila-Lameiro P. -Pedunculate or common oak (Quercus robur L.) silviculture in natural stands of Galicia (NW Spain): environmental restrictions

doi 10.4129/2cis-dm-ped

Citazione/Citation
Diaz-Maroto I.J., Vila-Lameiro P., 2015 – Pedunculate or common oak (Quercus robur L.) silviculture in natural stands of Galicia (NW Spain): environmental restrictions. In: Atti del II Congresso Internazionale di Selvicoltura. Progettare il futuro per il settore forestale, Firenze, 26-29 novembre 2014. Firenze: Accademia Italiana di Scienze Forestali. Vol. 1, p. 282-288. ISBN 978-88-87553-21-5. http://dx.doi.org/10.4129/2cis-dm-ped

Title: Pedunculate or common oak (Quercus robur L.) silviculture in natural stands of Galicia (NW Spain): environmental restrictions
Titolo: Selvicoltura della quercia peduncolata o farnia (Quercus robur L.) in popolamenti naturali della Galizia (NO Spagna): restrizioni ambientali

Summary: The silviculture applied in the Quercus robur L. forests is well developed in countries where the species has economic importance. The situation in NW Spain is different, as there is little knowledge about the silviculture to apply. Coppice forest predominates and requires continual management otherwise the stands will age and stagnate. Many of these forests have been intensively exploited, and in many cases inappropriate treatments have been used. Recently, as a result of rural depopulation, there has been a change from overexploitation to a lack of intervention. Their management must now be carried out in accordance with silvicultural criteria and environmental restrictions. Our hypothesis is that the environmental conditions do not preclude the application of an alternative silviculture to obtain more gainful outputs rather than with the traditional. To obtain the mosaics which Q. robur is present the Forest Map of Spain was asked, and the sampling zones were selected. Representative oak stands were chosen to dispose the resulted 39 plots. Once were replanted, a floristic inventory was carried out and abiotic-biotic data were recorded. The results show that with lower values of the altitude, slope and distance to the sea, the density is greater, and the best sites for Q. robur correspond to thalweg or intermediate slope with an oceanic influence. In these zones, the climatic characteristics combine optimally higher minimum temperature, lower thermal amplitude and higher precipitation. Alternative treatments must be proposed, which will range from a conversion to high forest to recovery of the stands by reforestation.

Riassunto: La selvicoltura utilizzata nelle foreste di Quercus robur L. è ben sviluppata nei paesi in cui la specie ha importanza economica. La situazione in NW Spagna è diverso, in quanto vi è poca conoscenza circa la silvicoltura da applicare. Il ceduo predomina e richiede continua gestione altrimenti gli stand invecchieranno. Molte di queste foreste sono state intensamente sfruttate, e in molti casi sono stati applicati trattamenti inadeguati. Recentemente, a seguito di esodo rurale, vi è stato un cambiamento da eccessivo sfruttamento ad un mancato intervento. La loro gestione deve ora essere effettuata secondo criteri selvicolturali e vincoli ambientali. La nostra ipotesi è che le condizioni ambientali non ostano all’applicazione di una selvicoltura alternativa per ottenere risultati più lucrativi, piuttosto che con il tradizionale. Per ottenere i mosaici che Q. robur è presente la Foresta Mappa di Spagna è stato chiesto, e sono state selezionate le zone di campionamento. Querce rappresentative sono state scelte per smaltire i provocato 39 trame. Una volta sono stati ripiantati, un inventario floristico è stato effettuato e sono stati registrati dati abiotici-biotici. I risultati mostrano che, con i valori più bassi di altitudine, pendenza e distanza dal mare, la densità è maggiore, e le migliori siti per Q. robur corrispondono al fondovalle con un’influenza oceanica. In queste zone, le caratteristiche climatiche si combinano in modo ottimale temperatura minima più elevata, escursione termica inferiore e superiore delle precipitazioni. Trattamenti alternativi devono essere proposti, che vanno da una conversione a fustaia al recupero degli stand di riforestazione.

Keywords: forest management, high forest, coppice, Quercus robur, NW Spain.
Parole chiave: gestione forestale, foresta, cedui, Quercus robur, NO Spagna.

Download PDF file